Sulla strada verso una società più sana

Che si tratti di malaria, tubercolosi o AIDS, queste patologie sono una realtà costante nella società mondiale odierna. L’ONU ha dichiarato guerra a queste malattie e vuole consentire l’accesso ai servizi sanitari e ai farmaci a tutte le persone entro il 2030. Intendiamo mostrare come anche le imprese e le istituzioni possano contribuire a vincere questa battaglia.

Nel 2000 le Nazioni Unite hanno adottato gli otto cosiddetti Obiettivi di Sviluppo del Millennio per il 2015. Uno degli obiettivi era quello di migliorare la salute in tutto il mondo e ha portato a un calo del 60% dei casi di morte per malaria dal 2000. Tuttavia in molti ambiti, quali la riduzione della mortalità infantile e materna, i risultati sono rimasti al di sotto delle aspettative. Ancora oggi ogni 90 secondi muore una donna per complicazioni legate alla gravidanza e al parto.

Accesso per tutti

Pertanto nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile l’ONU prevede nuovamente, tra i propri obiettivi principali, il miglioramento della salute. Tuttavia l’esperienza insegna che i problemi di salute non devono essere considerati singolarmente bensì nel loro complesso. L’istruzione e la sicurezza alimentare si dimostrano importanti elementi alla base dei programmi sanitari. Come già accaduto con gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, si mira a una riduzione della mortalità infantile e materna, nonché di malattie trasmissibili come l’AIDS, la malaria e la tubercolosi. Inoltre con l’obiettivo di sostenibilità “Salute e benessere” dell’Agenda 2030, l’ONU intende combattere anche malattie non trasmissibili come il diabete e promuovere la prevenzione di incidenti stradali e l’abuso di sostanze che provocano assuefazione. Entro il 2030 tutte le persone dovrebbero avere accesso a servizi sanitari di qualità e farmaci ed essere tutelati dai rischi finanziari.

polarstern news agenda 2030 ziel 3

Salute e benessere | Nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile l’ONU fissa, come terzo obiettivo principale, che entro il 2030 sia garantito a tutte le persone l’accesso ai farmaci e a una vita sana.

Richiesta di impegno imprenditoriale

A noi in Svizzera sono già garantiti tali accessi e sicurezza finanziaria attraverso il nostro avanzato sistema sanitario e sociale. Abbiamo i mezzi per tutelarci dalla malaria e dalla mortalità infantile e materna. Abbiamo però anche gli strumenti per impegnarci a migliorare il benessere in altri paesi il cui sistema sanitario non è sviluppato in maniera così avanzata. Come impresa, sono diverse le possibilità aperte a ciascuno per impegnarsi a favore della salute nel mondo. Come azienda farmaceutica, istituto di ricerca in campo medico o università si è, per così dire, alla fonte dei mezzi. Attraverso una ricerca mirata in queste categorie patologiche possono essere sviluppati farmaci specifici per contrastarle. Proprio le aziende farmaceutiche esercitano una forte influenza non solo nello sviluppo ma anche nella distribuzione dei prodotti. Possono distribuire a tariffe più vantaggiose i farmaci in paesi colpiti dalla povertà o donarne addirittura una parte. Anche gli ospedali hanno diverse opzioni per donare farmaci o dispositivi medici.

Opera di educazione preventiva

Oltre a questi mezzi, l’istruzione è un secondo fattore chiave decisivo per un miglioramento della salute a livello mondiale. Le scuole, le pubbliche amministrazioni e le istituzioni possono portare avanti in maniera mirata un’opera di educazione. Che si tratti di educazione direttamente nelle scuole, attraverso campagne con il lancio di servizi di consulenza gratuiti, tutti i metodi contribuiscono in maniera preventiva a evitare l’ulteriore diffusione di patologie contagiose come l’AIDS o a ridurre l’abuso di sostanze che provocano assuefazione. Le scuole dovrebbero cercare di effettuare scambi con altre scuole nei paesi in via di sviluppo. Il nostro personale docente può insegnare per un determinato periodo in una scuola situata in un paese in via di sviluppo, al fine di svolgere direttamente in loco un’attività di educazione mirata. Anche gli ospedali hanno la possibilità di inviare dei professionisti nei paesi in via di sviluppo ai fini del trasferimento del know-how medico e delle conoscenze.

Per le imprese e le organizzazioni che non dispongono né di mezzi specifici come i farmaci, né di conoscenze specialistiche come risorsa, sono aperte altre modalità di impegno. Vi sono numerosi enti di beneficenza che si impegnano a favore di un sistema sanitario avanzato nei paesi in via di sviluppo e che dipendono dal sostegno finanziario.

Segnale chiaro

Che si tratti di mettere a disposizione dei farmaci, di portare avanti la ricerca, di prestare attività educative o di donare contributi finanziari, chi si impegna deve anche comunicarlo. L’impegno non fa bene solo alla comunità ma anche all’azienda stessa, purché venga comunicato nel modo giusto. Ad ogni modo l’impegno dovrebbe essere indicato in maniera ben chiara nel profilo aziendale. Le aziende farmaceutiche hanno anche la possibilità di pubblicizzare che parte del ricavato per la vendita di un farmaco è devoluto a un ente di beneficienza. Alle scuole si raccomanda di informare i genitori, i comuni e il pubblico riguardo al proprio impegno, mediante volantini, manifesti o giornate di azione organizzate insieme agli studenti. Un effetto secondario positivo potrebbe essere quello di stimolare gli altri a collaborare. Anche la portata dei Social Media non va sottovalutata: qualunque tipo di impresa può comunicare il proprio impegno mediante i post. Contributi regolari sul blog del proprio sito web rappresentano un’altra possibilità di informare in merito all’impegno in corso. È decisivo inviare un segnale chiaro dell’impegno a favore di una società più sana in tutto il mondo.

Polarstern Agenda 2030 Ziele  Sustainable Development Goals (SDG)

Impegno tangibile per l’Agenda 2030

Nel 2015 l’ONU ha adottato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, la quale prevede complessivamente 17 obiettivi principali che la comunità degli Stati intende raggiungere entro il 2030. In una sezione di news presentiamo singolarmente tutti gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile e mostriamo come le imprese e le istituzioni possono impegnarsi a favore di tali obiettivi. In ogni contributo di news forniamo anche degli input su come l’impegno possa essere comunicato con successo.

Temi connessi

4 nuovi progetti di ricerca per la comunicazione della sostenibilità

Fino alla fine dell’anno Polarstern, in cooperazione con la Scuola Universitaria Professionale Nordwestschweiz (FHNW) e l’Università di Scienze Applicate Zurigo (ZHAW), porterà avanti quattro progetti di ricerca sulla comunicazione relativa a temi concernenti la sostenibilità. Si tratta di temi che interessano anche voi? »

Redazione, grafica e relazioni con i media per l’edilizia sostenibile

Il Network Costruzione Sostenibile Svizzera (NNBS) ha sviluppato con Polarstern un opuscolo informativo sui risultati e sulle considerazioni emersi dallo studio "WOHNEN 2020". In tale contesto, Polarstern ha avuto modo di occuparsi della realizzazione grafica e contenutistica, oltre che delle relazioni con i media in tedesco e francese. »

39 solide idee per una maggiore efficienza energetica

Polarstern sostiene gli attori dell’iniziativa «La Confederazione: energia esemplare» nella comunicazione del loro impegno a favore di una maggiore efficienza energetica e del passaggio alle energie rinnovabili. Le loro 39 misure comuni possono rappresentare una buona fonte di ispirazione anche per altre aziende con ambizioni nel settore della sostenibilità. »